Antipasti/ Curiosità/ Primi piatti

Gazpacho Andaluso

Fa caldo, ma caldo, ma così caldo..che non ho proprio voglia di cucinare!
Allora, via che pubblico una ricetta provata per la prima volta un mesetto fa e non ancora pubblicata!

Andiamo subito al sodo: volevo cucinare il gazpacho, che per chi fosse proprio appena arrivato da Marte e non sapesse cosa fosse, trattasi di una zuppa fredda a base di verdure crude, di origini andaluse. Come per ogni piatto di tradizione, ne esistono ormai diverse varianti, può essere servito come cocktail, aperitivo, zuppa, accompagnato da verdure crude, crostini di pane.

Io ho preferito iniziare dalla base, ovvero la ricetta classica (su per giù), cercando su vari siti internet e aggrappandomi alle ricette che più si assomigliavano l’un l’altra.. il risultato è stato un piatto davvero particolare, freschissimo ma un po’ forte di sapore, forse dovuto all’uso di cipolla rossa e aceto, ma come prima esperienza non è stata affatto male 🙂 come dico per tanti piatti e sapori nuovi per il mio palato, devo abituarmici!

Vediamo insieme come l’ho preparato!

Ingredienti (dosi per 6 persone):

– un bicchiere di aceto di vino bianco

– 1 spicchio d’aglio

– 3 cetrioli medi

– 3 cucchiai di olio extravergine di oliva

– 3 fette di pane bianco da tramezzini

– 1 peperone verde

– mezza cipolla rossa

– 1/2 kg di pomodori rossi, maturi e succosi

– sale

– pepe

– paprika

– crostini d’accompagnamento

Procedimento:

Iniziamo ponendo la mollica in una ciotola con acqua e acqua e aceto. Lasciatela marinare e assorbire il tutto, scolatela e mettetela da parte. Prendiamo i pomodori, li laviamo, tagliamo e ripuliamo dai semi interni, poi tagliamo il peperone, lo puliamo eliminando i semi e lo tagliamo a listarelle, insieme al cetriolo che va sbucciato e tagliato a rondelle. Sbucciamo la cipolla, la tagliamo a metà e la tagliamo grossolanamente, come l’aglio (poi li andremo a tritare insieme a tutti gli altri ingredienti). Frulliamo tutti gli ingredienti insieme, fino ad ottenere una crema densa. Aggiungiamo l’olio, sale pepe e un pizzico di paprika. Un’ultima frullata veloce e via, in frigo! Il gazpacho va servito freddo, per cui possiamo aggiungerci dei cubetti di ghiaccio per renderlo bello fresco.

Senza titolo-1

Ora di servire, potete farlo nei bicchieri, o nelle zuppiere, accompagnato da altre verdure crude da intingere e crostini di pane tostati e insaporiti con paprika e origano. Io li ho tagliati a pezzi più grandi, da intingere e gustare come fossero bruschettine di gazpacho preparate al momento e il risultato non era niente male! 😉

gaz

You Might Also Like

No Comments

Rispondi

CONSIGLIA Polpette di tabouleh con mazzancolle e crema di pomodorini confit
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: